sibille5Come in una bottega rinascimentale Le Sibille si fanno custodi dell’antica tecnica del Mosaico Minuto Romano.

Sono Camilla Bronzini, Francesca Neri Serneri e Antonella Perugini, accomunate dalla passione per l’arte orafa del passato. Avviato alla fine del ‘500 il colossale progetto di sostituire con copie a mosaico le pale d’altare di San Pietro, lo Studio Vaticano sfruttò a metà del ‘700 il nuovo procedimento del micromosaico. Così alla fine del secolo proliferavano nella Capitale le botteghe dei mosaicisti dove piani di tavoli, scatoline e tabacchiere, spille, bracciali e collane venivano ricoperti di microscopiche tessere in smalti multicolori raffiguranti monumenti dell’antichità e scene di vita popolare.

Proprio quelle microscopiche tessere, create con la tecnica della filatura, sono oggi tra le mani delle Sibille quella magica materia che trova dimora in gioielli unici e irripetibili. Artigiane e artiste insieme, le Sibille dedicano ad ogni gioiello un tempo che è d’altri tempi, infatti ogni piccolissima tessera viene inserita a mano su basi d’oro18K. Il mosaico riproduce modelli dell’arte greca, romana, paleocristiana, bizantina, rinascimentale e barocca, ma anche islamica e orientale.

Accanto alla collezione Micromosaico, Le Sibille mettono le recenti I Giganti dove trionfano le pietre colorate, Lilliput interpretazione fashion del gioiello e Lumina, un micromosaico più grande e semplificato .

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

Chiudi